Articolo sulla centrale gemella di Limena (PD)

Articolo del Gazzettino riguardante la centrale a biogas di Limena(PD) gemella sia per tipologia che per titolarità di quella che sarà realizzata a San Foca.

QUARTIERE ARCOBALENO INSORGE «IL BIOGAS CI STA ASFISSIANDO» – IL GAZZETTINO

Il Gazzettino
(BA.T.) Finestre chiuse per tenere lontano gli odori che da qualche tempo hanno “invaso” il quartiere Arcobaleno che si estende al di là del Brentella. Esalazioni che arrivano dal nuovo impianto di biogas, attivato dalla famiglia Tosetto nel proprio allevamento di bovini che si trova nel Tavello. Esalazioni poco gradevoli, date probabilmente dall’insilato di mais stoccato a cui si aggiunge quello del liquame, che sembrano essere particolarmente insistenti la mattina presto e la sera dalle 19 alle 23. Il quartiere dista poche centinaia di metri dall’allevamento e in posizione di sottovento, ossia viene investito dal vento dopo che questo è passato sopra gli impianti di biogas. Segnalazioni scritte e verbali sono giunte in Comune, lamentele raccolte anche dal consigliere di maggioranza Antonio Fasolato e dal consigliere di opposizione Dimitri Rossetto. L’assessore Maurizio Martinello ha ricordato che l’impianto è stato autorizzato nel febbraio del 2008, dopo l’approvazione del progetto in conferenza di servizi alla quale hanno preso parte tutti gli enti preposti. L’assessore ha anche sottolineato che a marzo l’azienda ha presentato in Regione una variante in corso d’opera per la realizzazione di una prevasca di miscelazione. Progetto che il Comune ha ritenuto opportuno discutere in conferenza di servizi. Parere favorevole che è stato subordinato ad una serie di prescrizioni, accolte dalla conferenza, fra queste la richiesta di adottare misure per ridurre al minimo le emissioni di odori, di far funzionare l’impianto elusivamente con letame autoprodotto, e la richiesta all’Arpav di monitorare periodicamente le emissioni.

This entry was posted in Stampa e notizie and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *