Biogas crimine ambientale

Cervignano (Lodi): cronaca di un disastro ambientale

di Michele Corti

 
In Lombardia con la qualità dell’aria peggiore d’Europa, con un densissimo reticolo idrografico, con gravi problemi di inquinamento delle falde la politica, legata a potenti lobby industriali e finanziarie, spinge l’acceleratore del biogas. Ci sono già 400 centrali (140 solo a Cremona) ma con i soldi del prossimo piano “rurale” (sic) la Regione Lombardia vuole finanziare ancora la corsa al biogas. Un affare irresistibile per chi riesce a specularci sopra.
Cervignano6

L’incidente verificatosi il 2 settembre a Cervignano è forse il più grave, a carico di centrali a biogas, mai verificatosi in Lombardia. Il 5 giugno si era rotto un serbatoio da mille mc di una biogas di Lonato (Bs). Il liquame era finito nel Benaco causando morie di pesce e il divieto di balneazione sulle spiagge. Questa volta il volume sversato è stato superiore: almeno la metà del contenuto di una vasca da 3 mila mc.

L’allarme era scattato alle cinque  mattina, quando uno dei biogassisti titolari della cascina Zodegatto di Cervignano d’Adda ha controllato sul computer il regolare funzionamento dell’impianto e ha constatato un’anomalia: mezz’ora prima una delle pareti di cemento armato alte sei metri e lunghe settanta che proteggono il vascone doppio in cui si raccoglie il digestato aveva subito un gravissimo cedimento strutturale. Come si vede dalla foto inviata dal costituendo Comitato No Biogas di Cervignano alcuni elementi della parete della vasca si sono spezzati e ribaltati. Dall’ampio varco il digestato è dilagato su un campo di un agricoltore confinante che ha prontamente sporto denuncia contro i biogassisti.

Cervignano4. (FILEminimizer)

La massa quasi nera, prodotta dalla fermentazione di reflui suini e bovini miscelati a mais  è finita anche nelle rogge Guazzona e Rigoletta. Il digestato è così arrivato fino all’Adda e le acque del fiume si sono tinte di nero fino al comune di Lodi e ancora più a valle; sono state segnalate morie di pesce. Indagano l’Arpa e polizia provinciale. Questo emblematico episodio è avvenuto nel giorno che Fava, l’assessore leghista all’agricoltura, prono alle lobby e subito incensato da Confagfricoltura Lombardia, annunciava: “avanti biogas a dispetto degli allarmismi”

This entry was posted in Stampa e notizie and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Biogas crimine ambientale

  1. Ganzit Graziano says:

    CRIMINALI! Ma come si fa a costruire una vasca rettangolare con ferro quasi inesistente e riempirla all’orlo! Siamo alla demenza! Occorre agire sui Sindaci in maniera forte perchè fermino questo scempio ambientale!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *