Monterenzio bandisce le biomasse

Vietata la realizzazione di centrali nel comune. Venturi: «I primi in provincia»

– MONTERENZIO – NESSUN DUBBIO da parte dell’amministrazione comunale di Monterenzio: la centrale a biomasse non s’ha da fare. Il comune difende strenuamente le sue aree verdi, diventando il primo comune della provincia di Bologna a bandire per sempre dal suo territorio le centrali a biomasse. Con il voto all’unanimità del Consiglio comunale del 22 agosto scorso, grazie al quale si sono approvati gli emendamenti al Regolamento edilizio in materia di ‘Conformazione delle caratteristiche del territorio per gli impianti di produzione di energia da biomassa’, il comune di Monterenzio conclude un difficile percorso intrapreso insieme ai cittadini, con il contributo del comitato ‘salviamo il Sillaro’ e del movimento locale ‘Monterenzio pulita’. Dopo una corposa campagna di sensibilizzazione ambientale, la decisione di inserire una norma sulle distanze minime degli impianti non solo dai centri abitati, ma anche dalle case sparse o isolate, impedisce di fatto la possibilità di edificare centrali a biomassa su tutto il territorio. Da mesi infatti si ventilava l’ipotesi della costruzione di due impianti a biomassa, uno da 300kw nell’area della Valle del Sillaro, a ridosso del Villaggio della Salute e l’altro da 100kw nella località di Pizzano. Un tema che aveva fatto scaldare gli animi dell’intera cittadinanza in modo tale che a maggio è stata ottenuta la bocciatura di entrambi i progetti. Un piccolo passo verso una grande vittoria, raggiunta dopo due lunghi anni di battaglia. «IL 22 AGOSTO è un giorno da ricordare – spiega Elena Imolesi, responsabile del comitato ‘salviamo il Sillaro’ -. Grazie ad un grande lavoro di squadra con il sindaco e la cittadinanza siamo riusciti a portare a casa un grande risultato. Speriamo solo di essere i primi di una lunga serie». Anche il sindaco Giuseppe Venturi, sempre attento alle istanze della popolazione, non nasconde la sua soddisfazione. «La nostra non è solo una grande vittoria – dice -, ma è anche il punto di partenza per continuare un percorso di sensibilizzazione ambientale.

This entry was posted in No biogas and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *