Sequestrata centrale biogas, tre denunce.

L’operazione effettuata dal Corpo forestale di Lecce e dalla polizia provinciale. Scoperte numerose irregolarità

LECCE – Sequestrato impianto a biogas da fermentazione anaerobica per la produzione di energia elettrica in assetto cogenerativo a Galatone realizzato dalla società Renewable Energy S.r.l. con sede legale a Lecce. L’operazione è stata effettuata dal Nipaf (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale) del Corpo forestale dello Stato di Lecce e dalla Polizia Provinciale di Lecce.

IL PROVVEDIMENTO – Denunciati il progettista e direttore dei lavori della centrale ed i legali rappresentanti della Società proprietaria dello stabilimento, rispettivamente di 45, 43 anni leccesi e 50 anni per aver effettuato, in concorso tra loro, attività di gestione di rifiuti non autorizzata poiché realizzavano e ponevano in esercizio un impianto che, anziché essere alimentato esclusivamente con biomasse (insilato di mais, triticale, loietto o grano), utilizzava anche digestato liquido da qualificarsi allo stato come rifiuto, in assenza di autorizzazione unica obbligatoria prevista per i nuovi impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti; nonché di qualsivoglia titolo edilizio valido per impianti di recupero di rifiuti; in assenza di autorizzazione alle emissioni in atmosfera prodotte da tale impianto; per aver provocato, in seguito all’attivazione dello stesso, emissione di odori nauseabondi, atti a molestare persone che ne vengano in contatto; per avere attestato falsamente all’Enel Distribuzione SPA ed al Gestore Servizi per l’Energia (GSE) che i lavori di realizzazione dell’impianto erano stati ultimati in conformità al progetto approvato e che lo stesso risultava avviato all’esercizio al fine di percepire agevolazioni ed incentivi. Di rilievo anche il fatto che non sia stato rispettato l’aspetto “cogenerativo” dell’impianto che avrebbe dovuto impiegare il calore prodotto per riscaldare delle serre, però, non ancora eseguite, per il quale aspetto la ditta ha potuto usufruire di un regime semplificato nel rilascio delle autorizzazioni.

This entry was posted in Stampa e notizie and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *