Sequestrato impianto di biogas: ipotesi truffa

Grosseto, 26 settembre 2014 – Gli agenti della Digos e della forestale hanno sequestrato nel pomeriggio l’impianto a biogas di Cinigiano di proprieta’ dell’azienda Agri Power Plus dopo un provvedimento del Tribunale di Grosseto. Secondo quanto si apprende una persona risulterebbe indagata. I

l sequestro dell’impianto per la produzione di energia elettrica da biogas arriva dopo un’attivita’ d’indagine articolata e complessa dalla quale sarebbero emerse irregolarita’ gravi sia nella fase iniziale, quando sono state ottenute le autorizzazioni per conseguire l’incentivazione da parte del Gse, il gestore deputato alla erogazione della tariffa onnicomprensiva per gli impianti a energia rinnovabili, sia nella fase successiva di gestione dell’impianto stesso.

Gli inquirenti avrebbero riscontrato, tra l’altro, che l’impianto, contrariamente al dettato normativo, si alimentava solo in minima parte attraverso propria produzione, ricorrendo per la maggior parte a produzione terze, parte anche fuori dalla filiera corta consentita dalla legge. L’indagine e’ stata coordinata dai pm Alessandro Leopizzi e Salvatore Ferraro e’ tuttora in corso. I reati contestati sarebbero di truffa aggravata, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e il reato di scarico abusivo di acque reflue previsto dal codice dell’ambiente attraverso il quale sono stati indebitamente percepiti un milione e 300 mila euro di erogazioni pubbliche.

Fonte: sgonfiailbioga

This entry was posted in No biogas and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *