Un sindaco !!!

No all’impianto a biogas

Il sindaco Andrea Ratti chiude le porte all’ipotesi, perché il territorio orceano non la sopporterebbe”

Un nuovo progetto minaccia il fragile equilibrio ambientale della Bassa, questa volta a Orzinuovi. La questione era stata affrontata con una delibera di giunta già lo scorso luglio, ma è tornata recentemente alla ribalta per un incipiente interessamento di cittadini e comitati ambientali. Il sindaco e la giunta di Orzinuovi, infatti, avevano in quell’occasione dichiarato la propria contrarietà ad una richiesta di costruzione sul proprio territorio comunale di un impianto a biogas da parte della ditta Bioval. A motivo del rifiuto opposto le enormi dimensioni dell’impianto per il trattamento di reflui zootecnici e scarti agricoli, che sarebbe in grado di trattare i rifiuti di mezza provincia, con le conseguenze ben immaginabili a livello ambientale per il territorio orceano e in particolare per la frazione di Ovanengo, presso il quale l’impianto sarebbe ubicato. Il sindaco Andrea Ratti, raggiunto telefonicamente, afferma sull’argomento: “Abbiamo giudicato sovradimensionato l’impianto rispetto al contesto in cui è inserito, il territorio orceano non lo sopporterebbe. Ora però la palla passa alla Provincia, alla quale spetta il parere definitivo sul progetto con la valutazione di impatto ambientale. Questa procedura dovrebbe occupare i prossimi mesi”. Intanto da parte del comitato di Legambiente della Bassa bresciana si richiama una connessione con l’altro faraonico progetto sul quale si discute solo pochi kilometri più in là, a Manerbio, cioè l’impianto di lavorazione di carni suine da due milioni di capi all’anno. Con tutti i suoi scarti di lavorazione quest’ultimo fornirebbe infatti, nello scenario tratteggiato degli ambientalisti, la “materia prima” necessaria al funzionamento dell’impianto di Ovanengo.

di Francesco Uberti (La voce del popolo.it)

This entry was posted in No biogas and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *